Calendario

maggio
lu ma me gi ve sa do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

>>>>> Torna alle scelte rapide

Preferenze di visualizzazione

Seleziona lo stile di visualzzazione:

Espandi

|

A |

 A

|

Mappa

>>>>> Torna alle scelte rapide


 

Sei in: Home > Pratolino > Centro di documentazione

documento antico

Centro di documentazione

Nel 1981 la Provincia di Firenze ha acquistato il Parco di Pratolino salvandolo da una speculazione edilizia certa e lo ha destinato ad uso della collettività. 

Nel corso degli anni la Provincia ha commissionato studi di fattibilità e progetti per la  valorizzazione del Parco facendo eseguire interventi di restauro delle opere d’arte e di ristrutturazione di quasi tutti i fabbricati esistenti. Nel 2007 la Provincia ha deciso di costituire un Centro di documentazione sul Parco che ha ereditato il patrimonio bibliografico del Cedip (Centro di documentazione parchi

Il Centro  attrezzato per ricevere i visitatori, accoglie spazi espositivi divisi in sezioni, illustranti la storia del Parco e delle famiglie proprietarie (Medici, Lorena, Demidoff), la situazione attuale del Parco con gli interventi realizzati dalla Provincia, una esposizione di reperti archeologici provenienti dalla distrutta Villa medicea, una esposizione di arredi originali appartenuti alla famiglia Demidoff. Vi ha sede la biblioteca con volumi sulla storia del Parco e con documenti, disegni, fotografie degli interventi sulle emergenze architettoniche ed artistiche realizzati dalla Provincia sin dal 1981. A breve accoglierà l’archivio storico, cartaceo, della famiglia Demidoff, proprietaria del parco dal 1872 al 1963.

Parallelamente a ciò, in virtù di un accordo con l’Istituto Max Planck di Storia della scienza di Berlino e con la collaborazione di altri Istituti culturali come l’Archivio di Stato di Firenze, la Biblioteca Nazionale, la Biblioteca Riccardiana ha deciso di inserire nel portale di storia della scienza Echo in formato digitale quei documenti antivchi a stampa e manoscritti che sono di grande rilievo per conoscere la storia di Pratolino: http://echo.mpiwg-berlin.mpg.de/content/pratolino

Nell’ambito del medesimo accordo il prof. Matteo Valleriani dell’ Istituto Max Planck nel quadro degli studi sul Buontalenti e sull’idraulica eroniana, ha redatto un percorso virtuale del parco di Pratolino per ricostruire in parte quel misterioso gioco delle acque ed il percorso delle meraviglie di Pratolino realizzate da Francesco I de’ Medici. La pianta mostra le differenze fra il percorso settecentesco e quello moderno e vengono individuate attraverso sequenze fotografiche le principali emergenze artistiche presenti nel parco: http://pratolino.mpiwg-berlin.mpg.de/

Centro di documentazione di Pratolino

Tutti gli indirizzi, i contatti utili e altre pratiche e procedure del Centro di documentazione sono reperibili nella sezione Uffici e servizi delle Risorse Correlate.

>>>>> Torna alle scelte rapide