Ti trovi in: Regolamento per il funzionamento della Commissione provinciale per il riconoscimento d’ufficio del requisito della capacita’ professionale per lo I.A.P. (LR 45/07)

Calendario

maggio
lu ma me gi ve sa do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

>>>>> Torna alle scelte rapide

Preferenze di visualizzazione

Seleziona lo stile di visualzzazione:

Espandi

|

A |

 A

|

Mappa

>>>>> Torna alle scelte rapide

>>>>> Torna alle scelte rapide

Uffici e Servizi

Guida ai servizi, alla modulistica e agli uffici

Servizi Online

Moduli Online

Organigramma

URP 055.2760241

Garante della comunicazione

Posta Elettronica Certificata

Rubrica

>>>>> Torna alle scelte rapide

Contatti

Provincia di Firenze
Palazzo Medici Riccardi
Via Cavour n.1,
50129 Firenze

Centralino:
055.27601

>>>>> Torna alle scelte rapide


 

Sei in: Home > Statuto e regolamenti > Regolamenti > Regolamento per il funzionamento della Commissione provinciale per il riconoscimento d’ufficio del requisito della capacita’ professionale per lo I.A.P. (LR 45/07)

Versione stampabile in PDF

Regolamento per il funzionamento della Commissione provinciale per il riconoscimento d’ufficio del requisito della capacità professionale per lo I.A.P. (LR 45/07) (Atto Dirigenziale n° 896 del 05/03/2013)

ART. 1 - ambito di applicazione del disciplinare

Il presente disciplinare si applica nei confronti dei soggetti che richiedono di sostenere presso la Provincia di Firenze l’esame per l’accertamento delle proprie conoscenze e competenze professionali ai sensi della LR n. 45/2007 e del punto 1 dell’allegato A del Regolamento approvato con DPGRT n. 6/R del 18/02/2008. Il presente disciplinare definisce altresì gli aspetti funzionali della Commissione di esame di cui al medesimo punto del regolamento;

ART. 2 – modalità di svolgimento dell’esame

Gli esami si svolgono in seduta pubblica, ad esclusione del momento della valutazione dei candidati, con modalità che garantiscono imparzialità, trasparenza, pari opportunità tra uomo e donna ed assicurino economicità e celerità di espletamento;

ART. 3 - funzionamento della commissione

La Commissione è legalmente costituita e può operare con la presenza di almeno il Presidente e due Commissari. In caso di votazione e di parità tra i voti espressi, prevale il voto del Presidente;

I componenti della Commissione d’esame in caso di ingiustificata e ripetuta assenza possono essere sostituiti in ogni momento per iniziativa della Provincia di Firenze;

La Commissione si riunisce ordinariamente ogni 60 giorni su convocazione dell’Ente, tenuto conto comunque del numero delle domande giacenti e trasmesse da ARTEA. I commissari e i candidati devono essere convocati almeno 15 giorni prima della data di esame.

ART. 4 - convocazione dei candidati

I candidati saranno convocati non prima di sei mesi dalla data di presentazione della domanda di accertamento, al fine di permettere ai medesimi di poter acquisire la necessaria esperienza per il superamento della prova, fermo restando però, che con esplicita richiesta questa può essere anticipata alla prima data disponibile. Il candidato che non supera la prova d’esame dovrà presentare una nuova istanza direttamente alla provincia. Il candidato che non si presenta per la data stabilità dovrà produrre entro la stessa la motivazione dell’assenza, in tal caso l’ufficio competente provvederà a convocare il candidato per la sessione successiva. Diversamente la domanda di accertamento verrà archiviata e ne sarà data comunicazione ad ARTEA;

ART. 5 – conflitto di interessi

In considerazione del fatto che, indipendentemente dalla volontà dei commissari e dei candidati, potrebbero verificarsi situazioni di conflitto di interessi, e sempre ove ricorrano i seguenti casi :

1)partecipazioni finanziarie e patrimoniali che possano porre in situazione di conflitto di interesse con i candidati sottoposti alle prove;

2)presenza di parenti entro il quarto grado ed affini entro il secondo grado fra i candidati, intendendo per questo titolari di imprese o rappresentanti legali, sottoposti alle prove;

3)prestazione di attività professionale a favore del candidato sottoposto alle prove;

prima dello svolgimento dell’esame l’ufficio, unitamente alla lettere di convocazione dei commissari, trasmette l’elenco dei candidati. I componenti la Commissione, prima dell’avvio delle procedure di esame, sottoscrivono esplicita dichiarazione in merito all’esistenza o meno di situazioni di incompatibilità/conflitto di interessi. Nel caso sussistano conflitti di interesse, il commissario partecipa alla seduta, astenendosi dall’espressione di pareri o di voto nei confronti del/i candidato/i interessato/i;

ART. 6 – atti della commissione

La verbalizzazione della procedura di esame è garantita dall’incaricato della segreteria e si conclude con un giudizio di idoneità o non idoneità del candidato. Gli atti relativi alla seduta di esame vengono sottoscritti da tutti i componenti della Commissione presenti alla seduta e approvati con specifico provvedimento del Responsabile della P.O. Sviluppo Rurale e Tutela del Territorio Aperto.

ART. 7 – pubblicazione esiti

Gli esiti dell’esame saranno resi noti nei giorni successivi alla prova e solo per affissione presso gli uffici competenti della Provincia e con la pubblicazione sul sito internet ufficiale dell’Amministrazione all’indirizzo www.provincia.fi.it .

>>>>> Torna alle scelte rapide