Calendario

maggio
lu ma me gi ve sa do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

>>>>> Torna alle scelte rapide

Preferenze di visualizzazione

Seleziona lo stile di visualzzazione:

Espandi

|

A |

 A

|

Mappa

>>>>> Torna alle scelte rapide


 

Sei in: Home > Territorio e Risorse Idriche > Attività Estrattive

P.A.E.R.P. Piano Attività Estrattive e Recupero Provinciale

Il P.A.E.R.P., come definito dall’art. 7 della LR 78/98, è “l’atto della pianificazione settoriale attraverso il quale la Provincia attua gli indirizzi e le prescrizioni dei due settori del P.R.A.E.R. (Piano regionale delle attività estrattive, di recupero delle aree escavate e di riutilizzo dei residui recuperabili)".

I settori d'interesse di cui si occupa sono rispettivamente:
-i materiali per usi industriali, per costruzioni e opere civili (Settore I);
-i materiali ornamentali (Settore II).

La Regione Toscana ha approvato il P.R.A.E.R. con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 27 del 27 febbraio 2007 ed ha affidato alla province la predisposizione dei P.A.E.R.P.

Il P.A.E.R.P., ai sensi dell’art. 9 – L.R. 78/98, è inoltre elemento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, ad esso si applicano le procedure di formazione, approvazione e relative varianti di cui alla LR n.1 del 3.01.2005 “Norme per il governo del territorio”. Secondo questa legge regionale, il P.A.E.R.P. è un atto di governo del territorio e come tale è sottoposto, ai fini della sua approvazione, alle procedure previste dagli articoli 15, 16, 17 e 18, nonché alla Valutazione Integrata disciplinata dall’art. 11 della medesima legge e dal Regolamento regionale 4/R del 9.02.2007.

L’avvio del procedimento, avvenuto con Delibera di giunta Provinciale n. 20 del 6 Febbraio 2009 contiene 3 allegati:


  1. La Relazione tecnica di avvio, predisposta ai sensi dell’art.15 della LR 1/05, rappresenta la parte costitutiva dell’atto di avvio e riporta inoltre lo stato attuale delle attività estrattive in Provincia di Firenze. La rilevazione è stata effettuata tramite una ricognizione delle conoscenze in materia di cave, recupero di cave dismesse o in abbandono e riutilizzo dei materiali recuperabili assimilabili. A seguito dell’approvazione del P.R.A.E.R., infatti, la Provincia di Firenze si è organizzata per ricomporre un quadro conoscitivo di riferimento, esauriente e soprattutto aderente alla realtà provinciale, sia in termini di localizzazioni territoriali che di dimensionamenti relativamente ai quantitativi di materiali estratti, ai materiali recuperabili e potenzialmente estraibili nell’arco dei prossimi anni.

    Per poter consultare il P.R.A.E.R.: Piano regionale delle attività estrattive di recupero delle aree escavate e di riutilizzo dei residui recuperabili, clicca qui.

  2. A seguito dell’avvio, gli atti verranno trasmessi a tutti gli enti e gli organismi interessati che potranno inviare i loro apporti tecnici e conoscitivi anche ai fini del processo di valutazione integrata. Con l’avvio del procedimento di formazione P.A.E.R.P. la Provincia di Firenze ha anche avviato il procedimento di Valutazione Integrata, redatta ai sensi del DPGR 4/R del 2007.

  3. Il terzo allegato all’atto di avvio del procedimento è rappresentato da una Cartografia di sintesi del lavoro sinora svolto.


A livello programmatico il P.A.E.R.P. della Provincia di Firenze, oltre a rimanere coerente con gli altri strumenti di pianificazione territoriale, sia di livello provinciale che sovraordinati, s'impegna a mantenere la presenza sul territorio provinciale di attività cruciali per il suo sviluppo, senza intaccare le risorse ambientali e i valori identitari riconoscibili nel territorio.


Pagina Garante della Comunicazione: http://met.provincia.fi.it/garante/index.asp

Contatti:

Responsabile del procedimento: Arch. Adriana Sgolastra a.sgolastra@provincia.fi.it

Responsabile del servizio: Dott. Leonardo Ermini l.ermini@provincia.fi.it

>>>>> Torna alle scelte rapide